Mi chiamo Francesco Totti

Trama:

Francesco Totti: è’ la notte che precede il suo addio al calcio e Francesco Totti ripercorre tutta la sua vita, come se la vedesse proiettata su uno schermo insieme agli spettatori. Le immagini e le emozioni scorrono tra momenti chiave della sua carriera, scene di vita personale e ricordi inediti. Un racconto intimo, in prima persona, dello sportivo e dell’uomo.

Diretto da Alex Infascelli, soggetto e sceneggiatura di Alex Infascelli e Vincenzo Scuccimarra, il film è tratto dal libro Un Capitano scritto da Francesco Totti con Paolo Condò (edito da Rizzoli).

Un tributo a una lunga carriera

Francesco Totti è un personaggio amato, che non si è mai preso troppo sul serio (celebri i suoi libri di barzellette) e si è distinto non solo per meriti sportivi, ma anche per quelli umanitari. Viene dunque raccontato un percorso di vita che, partendo dalla notte che precede il suo addio al calcio, racconterà oltre che la carriera calcistica, spesa tutta in un’unica squadra, amata e di cui è diventato il simbolo, le partite con la nazionale, gli infortuni, ma anche la sua vita privata, ricordi e immagini raccontati in prima persona, grazie ai quali Totti regala un ritratto inedito di sé che i tifosi non potranno non apprezzare. Venticinque anni di carriera che hanno coinciso anche con i momenti più importanti della sua vita, come il matrimonio con Ilary Blasi e la nascita dei suoi figli Cristian, Chanel e Isabel (e sono ricorrenti le voci su un quarto figlio in arrivo).

Il film è tratto dal libro Il Capitano scritto da Francesco Totti in collaborazione con il giornalista Paolo Condò ed edito da Rizzoli. Alla sceneggiatura hanno lavorato lo stesso regista Alex Infascelli e Vincenzo Scuccimarra.

Alex Infascelli tra musica e cinema

Alex Infascelli, regista e sceneggiatore romano, è autore poliedrico che passa dal cinema (Almost Blue, Piccoli Crimini Coniugali e altri) ai videoclip collaborando con grandi artisti (è autore di video famosissimi come Vento d’Estate di Max Gazzè e Niccolò Fabi, di Labyrinth debutto discografico di Elisa, e altri come Frankie HI-NRG MC, Almamegretta, Ligabue, Verdena, Nina Zilli). Non è nuovo nemmeno alle biografie, suo è lo splendido documentario S Is for Stanley – Trent’anni dietro al volante per Stanley Kubrick in cui l’autista italiano di Stanley Kubrick fornisce un quadro intimo e umano del grandissimo regista.

Leggi di più

Questo film non è attualmente in sala